L’ARTE POSTALE

L’Arte Postale o Mail Art è un movimento artistico spontaneo che ha avuto origine negli anni 60. La sua paternità è attribuita all’eclettico artista americano Ray Johnson che nel ’62 dopo aver inviato tramite il media postale i suoi lavori in tutto il mondo ( da ricordare in particolare i suoi  Add to and Return to) fondò la New York Correspondance School of Art in risposta ad una scuola di Espressionismo astratto per corrispondenza che lui osservava con occhio ironico.

In questa scuola lui raccoglieva tutti gli elaborati dei corrispondenti con cui  era a contatto attraverso il media postale e che rappresentavano simbolicamente gli studenti. Ben presto timbri di gomma, buste, cartoline,  francobolli e adesivi autoprodotti diventarono un tutt’uno con questo tipo di comunicazione. Per cui un operatore invia un suo lavoro ad un altro operatore che postalmente risponde e si crea un feed-back che è una delle componenti essenziali della Mail Art, se viene a mancare l’andata ed il ritorno il messaggio perde valore, un anello della comunicazione viene a mancare ed anche la Mail Art si interrompe. Nasceva quindi la Mail Art abbattendo frontiere internazionali e distanze geo-culturali-ideologiche.

La definizione di Arte Postale nasce dal fatto che è il canale postale che  permette la circolazione e lo scambio di qualsiasi opera eseguita dove spesso il formato e la tecnica sono liberi se pur rispettando i limiti ‘postabili’.

L’Arte Postale non ha fini di lucro, non è commerciabile ma è solo uno scambio tra i suoi artisti. Non ci sono censure di critici e galleristi, è un’arte libera da schemi.

A questo circuito aderiscono artisti da tutto il mondo che con le loro opere aderiscono a progetti a tema. Numerosi sono i progetti che circolano dedicati alla pace, ai diritti umani, lotta ai soprusi e problemi di natura ecologica ed ambientale. Gli artisti donano la loro opera per lanciare un messaggio e far sentire la loro voce. Non sempre rispondono ai progetti con una interpretazione a tema ma spesso inviano un’opera relativa alla loro personale ricerca, coscienti di far parte di questo per così dire abbraccio internazionale. Niente viene rifiutato ed in caso di esibizione tutte le opere vengono esposte, infatti uno degli aspetti principali della Mail art è la non discriminazione. Essa è arte donata perché le opere restano a chi ha organizzato l’evento. Per fare Mail Art è d’obbligo la generosità. Chi riceve le opere le custodisce con cura per cui si vanno a creati numerosi archivi privati con funzione di raccolta, studio e analisi ma anche come ridiffusione tramite le mostre.

Negli ultimi tempi la comunicazione è stata agevolata dall’avvento di Internet dove è possibile accedere a numerosi archivi e venire a conoscenza, in modo immediato, dei numerosi eventi e progetti provenienti da qualsiasi parte del mondo in passato circolanti solo con francobollo e con tempi molto più lunghi. Siamo grati al servizio che la telematica riesce a darci ma il fascino dell’oggetto fisico, della scoperta di nuovi regali nella buca delle lettere, l’odore dell’opera ricevuta è difficilmente paragonabile ad un semplice scambio di dati virtuali.

Per cui l’arte Postale è… un francobollo e tanta fantasia!

 

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...